Il fumo è una delle abitudini più dannose per la salute, responsabile di gravissime patologie e di numerosi morti ogni anno. Eppure, la conoscenza dei pericoli delle bionde non ha frenato un’arzilla anziana che, raggiunta la veneranda età di 112 anni, pare non rinunci a 30 sigarette al giorno.

Batuli Lamichhane, nata nel marzo del 1903 e residente in Nepal, afferma di fumare 30 sigarette al giorno nonostante la veneranda età. Un vizio che pare la accompagni da più di 95 anni, poiché ammette di aver accesso la sua prima sigaretta quando solo diciassettenne. E proprio poiché è riuscita a superare il centenario nonostante gli effetti del fumo, l’anziana non sembra aver intenzione di smettere: vuole godersi la vita al massimo, dice, per il tempo che le rimane. Batuli, tuttavia, sconsiglia ai giovani di lanciarsi in questo vizio, se la scelta deve ricadere su sigarette commerciali. La donna, infatti, crea da sé le proprie bionde, avvolgendo delle foglie di tabacco. A seguito del recente terremoto in Nepal, Batuli non ha più una casa ma, anziché trasferirsi da un parente, ha preferito trovare dimora in un vicino tempio hindu, dove sopravvive grazie alle donazioni.

Fonte: Metro