La polizia della Pennsylvania, negli Stati Uniti, ha fermato un uomo per aver percorso in auto circa 17 chilometri con una persona appesa al cofano. Il tutto sarebbe accaduto lo scorso sabato, tra le segnalazioni preoccupate degli altri automobilisti incontrati sul percorso.

Dalle ricostruzioni sarebbe emerso come Dwayne Harvard, un quarantaseienne, avrebbe bloccato con la sua vettura Steven Sutton, 36 anni, a seguito di una discussione. Il giovane sarebbe rimasto aggrappato al cofano per circa 17 chilometri, in un viaggio attraverso le cittadine di Springdale, Cheswick e Harmar. La polizia è stata allertata dalle ripetute chiamate ricevute dagli altri automobilisti, basiti e allarmati dall’aver incrociato l’automobile fuggire a gran velocità.

Il guidatore è stato accusato d’assalto aggravato, guida pericolosa e in stato di ebrezza. Interrogato dalla polizia, l’uomo avrebbe affermato di non aver colpito intenzionalmente la vittima. Secondo le dichiarazioni, i due avrebbero avuto un alterco di natura sentimentale: l’uomo non avrebbe fermato la vettura per paura che il trentaseienne, liberata la presa, potesse aggredirlo. Il guidatore ha infatti sottolineato come la lite sia nata per un passaggio offerto alla fidanzata del giovane, il quale avrebbe quindi tentato di attaccare la coppia.

Fonte: UPI