A oltre 100 anni di distanza, la tragedia del Titanic si è ormai trasformata in una storia di grande fascino, tra un lungometraggio campione ai botteghini e molti articoli ricercati dai collezionisti. Fra questi anche un singolo cracker, battuto all’asta per ben 23.000 dollari.

Il prodotto da forno è stato salvato da James Fenwick, un passeggero sopravvissuto all’affondamento, ed è stato conservato per tutti questi anni in una busta per pellicole fotografiche. Il singolare biscotto salato non ha subito decadimenti estetici a oltre 100 anni di distanza ma, come presumibile, si è nel tempo solidificato. Lo scorso weekend, il cracker è stato venduto per 23.000 dollari durante un’asta organizzata dalla casa Henry Aldridge & Son. Gli organizzatori hanno tenuto a specificare come il prodotto, ai tempi, fosse considerato per l’alimentazione umana: questo per fugare ogni dubbio sui produttori, Spillers and Bakers, noti a inizio secolo anche per una linea di biscotti per cani. A quanto pare, l’alimento era compreso nelle razioni di salvataggio disponibili sulle scialuppe ed è sopravvissuto non solo al Titanic, ma anche all’arrivo del Carpathia.

https://twitter.com/NYMag/status/659252899990646784

Fonte: Telegraph