Oggi, 4 luglio, per gli Stati Uniti d’America è festa nazionale: si commemora infatti in questo giorno l’adozione della Dichiarazione di indipendenza con la quale, nel 1776, le Tredici Colonie (Virginia, Maryland, Massachusetts, Rhode Island, New Hampshire, Connecticut, North Carolina, South Carolina, New York, New Jersey, Pennsylvania, Delaware e Georgia) si distaccarono dal Regno Unito di Gran Bretagna.

L’Independence Day è, insieme al Thanksgiving, tra le feste simbolo degli Stati Uniti: per la ricorrenza, negozi, uffici, poste e banche restano chiuse, mentre bandiere a stelle e strisce decorano le strade e gli edifici rappresentativi. L’aria di patriottismo che si respira in questo giorno è davvero unica.

Famiglie e gruppi di amici si riuniscono per i classici e immancabili BBQ, per assistere alle Parate e prepararsi al tradizionale spettacolo pirotecnico serale. A New York, la Celebrazione del 4 Luglio e’ legata ai Fuochi d’Artificio organizzati dai Magazzini Macy’s. I fuochi vengono sparati da 5 chiatte posizionate lungo l’Hudson River e allo spettacolo assistono circa 3 milioni di persone. Si inizia generalmente intorno alle 21, ma se si vuole godere di una buona visuale è bene prendere posto già dal pomeriggio. Per ammirare i fuochi sullo sfondo dello skyline di Manhattan, molti sono coloro che decidono di recarsi al di là del fiume nel New Jersey, oppure, come da tradizione, dopo il ritrovo mattutino, le famiglie proseguono i festeggiamenti con gioiosi pic-nic nei parchi pubblici.

Oltre alla Grande Mela, si festeggia in particolare a Chicago, sul Lago Michigan, a San Diego sulla Mission Bay, a Saint Louis sul Mississippi River, a San Francisco sulla San Francisco Bay e al National Mall a Washigton D.C., dove il concerto gratuito attira ogni anno oltre mezzo milione di persone. Imponenti fuochi d’artificio illuminano la notte di tutte le città americane, dove, seguendo le note dell’inno americano, partono le batterie luminose fra canti commossi intonati con la mano sul cuore.

Nelle basi militari si tiene invece il “Salute to the Union”:  a mezzogiorno in punto, vengono sparati tanti colpi di pistola quanti sono gli Stati appartenenti agli USA, in ricordo di quando, nel 1777, nel primo anniversario dell’indipendenza, a Bristol vennero sparati tredici colpi di pistola.

Il 4 luglio è ricordato e celebrato da tutti gli americani come simbolo di libertà e la stessa famosa Statua che vigila sulla baia di New York porta sul braccio sinistro il libro che reca la scritta: “JULY IV MDCCLXXVI”. Il giorno rappresenta un momento di aggregazione da trascorrere in famiglia e con gli amici più cari, tanto sentito da divenire non solo un giorno di festa, ma una vera e propria celebrazione dell’essere americani, della volontà e consapevolezza di essere Nazione e di seguire i principi e i valori che i Padri Fondatori hanno instillato nei cuori degli statunitensi.

Quest’anno però, la festa che maggiormente si lega alla sua terra di origine, valicherà i confini nazionali per giungere, con i suoi fasti e i suoi colori tradizionali, ad animare anche il cuore pulsante di Milano. Ad Expo il 4 luglio è infatti il National Day degli Stati Uniti D’America e per tutti i visitatori dell’Esposizione Universale che vorranno unirsi ai festeggiamenti, il Padiglione USA ha preparato un programma che esprime perfettamente lo spirito popolare del 4 luglio: la cerimonia si aprirà al mattino, con l’alzabandiera e l’esecuzione degli inni nazionali, suonati da una vera banda militare, a guidare la delegazione USA sarà Tom Vilsack, Ministro per l’agricoltura, assieme all’ambasciatore americano in Italia, John R. Phillips, la deputata Betty Mccollum e il commissario generale per il padiglione Usa all’Expo, Douglas T. Hickey. Alle ore 10.30 la parata che avrà per protagonisti i Trojans – la marching band della University of Southern California -con le sue premiate cheerleader percorrerà il Decumano, mentre a partire dalle ore 12.00 e per tutta la giornata, la terrazza del Padiglione USA si trasformerà nel luogo privilegiato per celebrare l’evento: non mancheranno i tradizionali picnic, una grande festa con giochi per le famiglie, cupcake e popcorn! Ultimo evento che concluderà la giornata speciale degli Stati Unità sarà il Concerto della The Nasty Granny’s Blues Band alle ore 19.00.