Raffaele Sollecito ha fatto una dedica a Massimo Bossetti su una copia del suo libro. Sollecito, come ricorderete, è stato assolto – il 23 marzo 2015 – dalla Cassazione che ha annullato senza rinvio la sua condanna – e quella di Amanda Knox – per non aver commesso il fatto. Troppi errori nelle indagini e soprattutto mancanza di prove certe hanno convinto i giudici sulla non colpevolezza di Sollecito che, dunque, non ha ucciso la studentessa Meredith Kercher.

Sollecito aveva chiesto risarcimento per ingiusta detenzione

Sollecito, tra l’altro, è finito in carcere per quattro anni, un’esperienza che ha segnato negativamente la sua vita e per la quale ha chiesto un risarcimento (poi negato) di 516mila euro per ingiusta detenzione.

Sollecito assolto per non aver commesso il fatto

A fare da tramite tra Massimo Bossetti e Raffaele Sollecito è stato l’avvocato dell’uomo, accusato di aver ucciso la piccola Yara Gambirasio: il muratore di Mapello ha sempre dichiarato di essere innocente, totalmente estraneo alla triste vicenda. “Al termine del convegno, ho acquistato due copie del suo libro, una per me e una per Massimo. Abbiamo chiacchierato, gli ho detto per chi era la seconda copia, allora lui ha voluto scrivergli la dedica ha spiegato al Corriere.it il legale. Il contenuto, però, rimane una “questione privata”.