Amanda Knox, assolta dall’accusa di aver ucciso Meredith Kercher, rende pubbliche le foto del suo profilo Instagram. E così saltano fuori immagini di lei nei panni di Cappuccetto Rosso nella foresta ma anche tutte le foto con il suo fidanzato con il quale è andata a convivere. Una nuova vita per la Knox dopo l’incubo di un processo lunghissimo che, alla fine, l’ha portata all’assoluzione per non aver commesso il fatto: non è stata lei né Raffaele Sollecito ad uccidere la studentessa di Perugia la sera del 1° novembre 2007.

Amanda Knox e Raffaele Sollecito assolti

Il suo account Instagram è stato aperto ad aprile 2015 ma solo ieri la giovane ha deciso di renderlo pubblico. In un’altra foto, ad esempio, la Knox sfoggia una t-shirt con la scritta “Potrebbe succedere a te” e delle manette: il riferimento è alla sua detenzione.

Amanda Knox, il lungo processo

In primo grado Amanda Knox e Raffaele Sollecito furono condannati dalla Corte d’Assise di Perugia salvo poi essere assolti e scarcerati in appello nel 2011. La Corte di Cassazione, poi, annullò la sentenza assolutoria d’appello rinviando gli atti alla Corte d’Assise d’Appello di Firenze che, alla fine, condannò entrambi: lei a 28 anni e 6 mesi di carcere, lui a 25 anni. Poi il colpo di scena nel marzo 2015 quando la Suprema Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio le condanne alla Knox e a Sollecito per non aver commesso il fatto.