Le parole sono importanti continua con discreto successo il suo percorso nei meandri dei vocaboli italiani dimenticati: ogni settimana ne recupera qualcuno per restituirlo al linguaggio quotidiano dei suoi lettori. Oggi è la volta della parola

ABOMINIO: il sostantivo può assumere diverse valenze:

1. sentimento di disprezzo, di rifiuto. Ad esempio: “La guerra suscita abominio”. In questo caso la parola “esecrazione” potrebbe esssere un sinonimo.

2. condizione vergognosa, senza dignità. Ad esempio: “Precipitare nell’abominio”. “Disonore” è un sinonimo di questa sfumatura semantica.

3. Persona o cosa detestabile, deprecabile, abominevole. Ad esempio: La corruzione è l’abominio della società”. “Vergogna”, in questo caso è il sinonimo più adatto.

L’emozione che questa parola descrive è una ripugnanza urgente, un impulso di allontanamento e rifiuto come da un cattivo augurio, come da un vaticinio sinistro e disgraziato che ci fa orrore.

ALTRI LINK:

Cosa vuol dire “sciamannato”.

Il significato di “solipsista”.

Cosa vuol dire “ringalluzzire”.

Ci ricordiamo di “Riminiscenza”?

Cosa vuol dire “ossimoro”?

Tutti pronti a “baloccarsi”.

photo credit: loungerie via photopin cc