Il maltempo in Abruzzo, dopo gli incidenti e i disagi di ieri, oggi causa anche delle esplosioni e un vasto incendio a Mutignano, frazione collinare di Pineto – in provincia di Teramo. Cosa è successo di preciso? Le forti piogge di ieri hanno causato uno smottamento del terreno che, a sua volta, ha provocato il cedimento di un traliccio dell’alta tensione che è finito sul condotto del metano che va da Cellino Attanasio a Bussi. Le scintille provocate dal traliccio hanno generato tre esplosioni ed un incendio con fiamme altissime – viste a chilometri di distanza a quanto sembra.

L’incidente è accaduto alle sette e mezza del mattino e fortunatamente ha provocato solo sette feriti – leggermente ustionati. Il bilancio avrebbe potuto essere peggiore, visto che il luogo dell’incidente era vicino a tre abitazioni – la più prossima al luogo delle esplosioni e degli incendi si trovava appena a dieci metri. Lo scoppio avrebbe anche danneggiato parte delle case coinvolte – che sono state evacuate. Come racconta il sindaco di Pineto Roberto Verrocchio “Poteva essere una tragedia. I vigili del fuoco sono riusciti a spegnere le fiamme e la condotta è stata chiusa. Tutta da verificare la causa dell’incidente. Quello che posso dire è che si propende per lo smottamento del terreno dovuto alle incessanti piogge. Ci sono un tratto di condotta di 10 metri completamente aperto e due tralicci a terra. Ringrazio davvero forze dell’ordine e squadre di pronto intervento per la rapidità con cui hanno affrontato la situazione“.

Su quello che è accaduto la Procura di Teramo ha aperto un fascicolo di inchiesta. Per ora l’unica cosa certa è che dell’inchiesta se ne occuperà il Pubblico Ministero Scamurra, e che gli stabili interessati dall’incidente sono stati posti sotto sequestro. Non ci sono indagati e non sono state formulate ancora ipotesi di reato.