Mentre il fine settimana si avvicina, noi vi proponiamo gli ‘Accadde oggi’ di questo venerdì 11 gennaio che ci riportano al 1955, al 1963 e al 2002.

Ma partiamo dall’anno più distante.

Era il 1955 quando fu fondata l’Autobianchi. Creata dall’ingegnere Ferruccio Quintavalle per risollevare dalle difficoltà del dopoguerra la Fabbrica Automobili e Velocipedi Edoardo Bianchi, vede coinvolte la FIAT e la Pirelli. La fabbrica sarà quella di Desio, di proprietà della Bianchi, della superficie di 140.000 m². Nel 1968 la Autobianchi verrà completamente assorbita da FIAT S.p.A. e per qualche anno nello stabilimento di Desio verranno trasferite parti di lavorazione di alcuni modelli Fiat, la 126 e la Panda. L’ azienda torinese manterrà comunque in uso, sul territorio nazionale, il marchio fino al 1995; l’ultimo modello prodotto, la Y10, fu commercializzato all’estero con il marchio Lancia, più conosciuto e prestigioso.

Era invece il 1963 quando, per la gioia di molti, uscì il celebre brano ’Please Please Me‘ dei Beatles che si fanno così conoscere su scala nazionale. Dopo Love me Do è il secondo singolo inciso dai Beatles nel Regno Unito ed il primo ad uscire in Italia e negli Stati Uniti. Please Please Me è la title track del loro primo album, registrato proprio per capitalizzare il successo del 45 giri. Inizialmente era una composizione di John Lennon, sebbene la sua forma definitiva sia stata influenzata significativamente dal produttore George Martin. Il brano venne inoltre scelto per la prima apparizione televisiva dei Beatles nel Regno Unito al Thank Your Lucky Stars del 19 gennaio 1963.

Sono invece passati 11 anni da quando, nell’ormai lontano 2002, il governo degli Stati Uniti d’America sotto l’amministrazione di George Bush Jr. apre un campo di prigionia all’interno della base di Guantanamo, a Cuba. Finalizzato alla detenzione di prigionieri catturati in Afghanistan ritenuti collegati ad attività terroristiche, a causa della denuncia delle condizioni di carcerazione nel dicembre 2008, con il neoeletto presidente Barack Obama, inizia a essere affrontato il problema della chiusura della prigione. Il 21 gennaio 2009 il presidente statunitense firma l’ordine di chiusura del carcere, che deve essere smantellato entro l’anno. A più di tre anni di distanza, ciò non è ancora avvenuto.

Siete curiosi di scoprire cosa accadrà domani? Continuate a seguirci!