Buona Domenica a tutti!

Come ogni giorno, anche oggi scopriamo insieme gli avvenimenti odierni della storia mondiale.

Partiamo subito dalla Francia. Correva l’anno 1898 quando Émile Zola pubblicò il suo noto “J’Accuse…!” lettera aperta al Presidente della Repubblica francese. Contro l’antisemitismo che attraversa la Francia,  Zola si schiera a favore dell’ufficiale Dreyfus,  un capitano dell’Esercito francese, ebreo, accusato di aver rivelato informazioni segrete alla Germania. Dopo un giudizio sommario, Dreyfus venne condannato a deportazione sull’isola di Caienna. A causa del J’accuse…!, Zola verrà condannato a un anno di carcere e tremila franchi di ammenda. Nonostante questo, la lettera aperta al presidente Feure provoca la riapertura del caso. La situazione si risolve nel 1906,  Zola è già morto e la corte di cassazione revoca la sentenza con cui Dreyfus era stato accusato di tradimento.

Tocca ora invece agli Stati Uniti d’America. Era infatti il 1930 quando venne pubblicata la prima striscia di Topolino. Le strisce formano storie lunghe e sono sceneggiate dai suoi creatori, ma dopo qualche mese subentra loro un abile disegnatore che le disegna per 45 anni. Non gli viene permesso di firmare le strisce con il suo nome, vengono firmate da Walt Disney per poterne vendere più copie. Solo in seguito si scopre che le storie sono disegnate da Floyd Gottfredson.

Concludiamo così con l’Italia. È infatti già passato un anno da quando, il 13 gennaio, naufragò la Costa Concordia, nave da crociera al comando del capitano Schettino di proprietà della Costa Crociere (per approfondire segui il link). La nave, salpa dal porto di Civitavecchia con circa 5.000 persone, avrebbe dovuto toccare poi altri porti. Nelle acque dell’Isola del Giglio la nave urta uno scoglio causando l’apertura di una falla di 70 metri . L’incidente provoca 30 morti e 2 dispersi.  Le assicurazioni dovranno liquidare risarcimenti per oltre un miliardo di euro.

Siete curiosi di scoprire cosa accadrà domani? Continuate a seguirci…