Il 1948 segna una svolta cruciale per la storia italiana: è l’anno della Costituzione e delle prime elezioni dell’Italia repubblicana dopo il ventennio fascista e la Seconda guerra mondiale, ma è anche l’anno in cui il Paese sfiora la guerra civile per via dell’attentato a Palmiro Togliatti.
La mattina del 14 luglio, il segretario generale del PCI viene gravemente ferito dai colpi di pistola sparati dal giovane studente siciliano Antonio Pallante. La notizia dell’attentato muove alla rivolta il popolo della sinistra, con gravi ripercussioni in molte città della penisola; per due giorni, uno stato di ansia febbrile e generalizzata fa temere per le sorti della appena nata democrazia.

Photo credit: Wikipedia