E’ il 15 febbraio del 2005 quando Chad Hurley, Steve Chen e Jewed Karim – ex dipendenti di PayPal – lanciano la popolare piattaforma web di YouTube. Due mesi più tardi, il 23 aprile, viene caricato il primo video, “Me at the zoo”, che ritrae Karim davanti alla gabbia degli elefanti al giardino zoologico di San Diego. Grazie al passaparola, il traffico del portale inizia presto ad aumentare in maniera esponenziale, guadagnando milioni di utenti in tutto il mondo, fino a superare i tre miliardi di visualizzazioni al giorno. YouTube è oggi il terzo sito più visitato al mondo dopo Google e Facebook.

Tra i nati oggi ricordiamo invece Galileo Galilei (Pisa, 15 febbraio 1564) e l’ artista italiano Antonio de Curtis, meglio conosciuto come Totò (Napoli, 1898). Fisico, astronomo e matematico italiano, Galilei è stato uno dei massimi pensatori del suo tempo, oggi considerato il padre della scienza moderna. A lui si devono l’ introduzione del metodo scientifico sperimentale, alcune importanti pubblicazioni sul moto dei pianeti e significative migliorie al telescopio, strumento indispensabile ai suoi studi di astronomia. Il sostegno di Galileo alla teoria copernicana lo porta tuttavia dritto nel mirino dell’ Inquisizione ecclesiastica, tanto che nel 1632 Papa Urbano VIII  apre ufficialmente un processo a suo carico. Arrestato e minacciato di tortura, ormai anziano, lo scienziato viene costretto ad abiurare. Morirà a Firenze l’ 8 gennaio 1642.

Il 15 febbraio del 1898 nasce invece il grande Totò, tra i maggiori interpreti nella storia del teatro e del cinema italiani. Soprannominato “il principe della risata”, i suoi film (97 in totale) riscuotono ancora grande successo, nonostante siano trascorsi ormai decenni dalla sua scomparsa, avvenuta il 15 aprile 1967. Tra le sue pellicole più note si ricordano “47 morto che parla”, “Totò a colori”, “Dov’ è la libertà?” di Roberto Rossellini, “Guardie e ladri” e la celeberrima commedia  “I soliti ignoti” di Mario Monicelli.