E’ il 21 marzo del 1956 quando Anna Magnani vince il premio Oscar come migliore attrice protagonista per “La rosa tatuata”, film drammatico diretto da Daniel Mann, su sceneggiatura di Tennessee Williams, in cui la celebre attrice è affiancata da Burt Lancaster e interpreta il ruolo di Serafina Delle Rose, emigrante siciliana e moglie devota che si trova a dover fare i conti con la morte del marito, deceduto in un incidente stradale. Interprete simbolo del cinema italiano, ma al contempo antidiva per eccellenza, quella notte la Magnani non è presente alla cerimonia di premiazione perché rimasta a Roma ad accudire il figlio malato: il premio viene ritirato dalla collega Marisa Pavan, che la avverte del successo con una telefonata che giunge alle 5.30 del mattino. Anna Magnani è stata la prima attrice italiana a conquistare la prestigiosa statuetta, nonché la prima (e tutt’ ora l’ unica) attrice italiana ad aver ricevuto l’ Oscar per l’ interpretazione di un film americano. Sempre per il ruolo di Serafina Delle Rose, la Magnani verrà inoltre premiata con il BAFTA, come attrice internazionale dell’ anno, e il Golden Globe come migliore attrice in un film drammatico. Definita da Jean Renoir “la quinta essenza dell’ Italia” e “una creatura incredibile” da Tennessee Williams, Anna Magnani è una delle poche personalità italiane ad avere una stella nella celebre Hollywood Walk of Fame. Tra le sue più famose interpretazioni si ricordano le pellicole “Roma città aperta”, di Roberto Rossellini; “Bellissima”, di Luchino Visconti; “La carrozza d’oro” di Jean Renoir e “Mamma Roma”, di Pier Paolo Pasolini.

Tra i nati oggi ricordiamo invece la poetessa Alda Merini (Milano, 21 marzo 1931) e Luigi Tenco (Cassine, Alessandria, 21 marzo 1938), cantante e autore di “Se sta sera sono qui”, “Vedrai, vedrai” e numerosi altri tra i pezzi più celebri della canzone italiana.