È il 24 dicembre 1871 quando, al Teatro Khediviale dell’Opera del Cairo, l’Aida viene eseguita in pubblico per la prima volta.

Celebre opera in quattro atti di Giuseppe Verdi, l’Aida viene commissionata al compositore dal viceré d’Egitto Ismail Pascià per celebrare l’apertura del Canale di Suez (1868). Verdi inizialmente si rifiuta tuttavia di “scrivere musica d’occasione”, ma dopo aver visionato il soggetto dell’archeologo francese Auguste Mariette – fondatore del Museo Egizio del Cairo – è costretto a ricredersi.

Incaricato dal viceré di assicurarsi la collaborazione di uno tra Verdi, Wagner o Gounod, Mariette  invia infatti uno schema di libretto su un soggetto egiziano a Camille du Locle, direttore dell’Opéra-Comique di Parigi, il quale lo sottopose a Verdi. Rimastone estasiato – e a fronte di un compenso più alto rispetto a quello inizialmente proposto – il compositore accetta l’incarico e inizia la stesura dell’opera in collaborazione con il poeta scapigliato Antonio Ghislanzoni.

Protagonista dell’opera è il capitano egiziano Radames, incaricato di contrastare l’invasione degli Etiopi. Innamorato della schiava etiope Aida, Radames le rivelerà tuttavia la strategia d’attacco del suo esercito, ignaro di essere spiato dal padre della ragazza, il del Re di Etiopia Amonasro. Disperato per avere involontariamente tradito il suo popolo, Radames si consegna prigioniero al sommo sacerdote. Viene condannato a morte per alto tradimento e sarà sepolto vivo; tuttavia presto si accorge di non essere solo nella cripta. Aida è al suo fianco, determinata a morire con lui. I due amanti confermano così l’amore l’un per l’altro e accettano insieme il loro terribile destino.

La prima dell’Aida viene programmata per il gennaio del 1871, ma la guerra franco-prussiana rende difficoltoso il trasporto delle straordinarie scenografie e i sontuosi costumi realizzati negli ateliers parigini, così che il melodramma debutta infine la sera del 24 dicembre 1871, esattamente 145 anni fa. Un anno dopo, l’8 febbraio 1872, nella splendida cornice del Teatro alla Scala di Milano avrà luogo la prima italiana, diretta da Franco Faccio.