Era il 24 giugno 1947 quando il pilota Kenneth A. Arnold mentre svolgeva un’attività di ricerca sul suo CallAir A-2, velivolo militare andato disperso, dichiarò di aver notato nel cielo vicino al Monte Rainier (Washington), ben nove oggetti non identificati che procedevano in maniera irregolare ad una velocità molto elevata.

Qui gli altri avvenimenti del 24 giugno.

Si trattava della prima testimonianza di avvistamento di dischi volanti. Una notizia che si diffuse in tutto il mondo grazie alla Associated Press e  che svolte un po’ da catalizzatore per l’interesse moderno nei confronti del fenomeno UFO. Dopo questo episodio Arnold divenne una celebrità: rilasciò parecchie interviste, scrisse articoli e venne anche spedito da un editore a Tacoma per investigare su un altro caso di avvistamento di UFO, il cosiddetto incidente di Maury Island, anche se poi passò la ricerca all’AAF.

A partire dagli anni sessanta ebbe poco a che fare con il mondo dell’ufologia, tuttavia nel 1977 partecipò al Primo Congresso Internazionale di Ufologia tenuto a Chicago in occasione del trentennale dell’avvistamento di cui era stato protagonista.

photo credit: xJason.Rogersx via photopin cc