25 aprile 1945: Anniversario della Liberazione d’Italia. Non si può non ricordare questo giorno segnato in rosso sul nostro calendario per commemorare un giorno importantissimo per la Storia del nostro Paese, simbolo della conclusione non solo di cinque anni di seconda guerra mondiale, ma anche di un periodo lungo vent’anni e che ha visto al comando Benito Mussolini e il fascismo, l’occupazione della Germania nazista.

Questa data è stata simbolicamente adottata come giorno della liberazione perché il 25 aprile di sessantanove anni fa vennero cacciati i tedeschi da Milano e Torino: l’esecutivo del Comitato di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia, presieduto da Luigi Longo, Emilio Sereni, Sandro Pertini e Leo Valiani alle 8 del mattino via radio proclamò ufficialmente l’insurrezione, la presa di tutti i poteri da parte del CLNAI e la condanna a morte per tutti i gerarchi fascisti (tra cui Mussolini, che sarebbe stato raggiunto e fucilato tre giorni dopo).

Entro il 1º maggio di quello stesso anno, poi, tutta l’Italia settentrionale fu liberata: Bologna (il 21 aprile), Genova (il 23 aprile) e Venezia (il 28 aprile). Sarà l’inizio di un percorso storico che porterà al referendum del 2 giugno 1946 per la scelta fra monarchia e repubblica, quindi alla nascita della Repubblica Italiana, fino alla stesura definitiva della Costituzione.

(Foto by InfoPhoto)