E’ il 6 agosto 1932 quando si apre a Venezia la prima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Nata su iniziativa di Luciano De Feo, capo dell’Istituto del cinema educativo, e del conte Giovanni Volpi di Misurata, presidente della Biennale, la rassegna si tiene dal 6 al 21 agosto di quell’anno, attirando registi ed attori di fama mondiale, tra cui Greta Garbo, Joan Crawford, Clark Gable e Vittorio De Sica. In quell’occasione non sarà tuttavia una giuria vera e propria ad assegnare i riconoscimenti, bensì un referendum indetto tra il pubblico: tra i premiati ricordiamo Nikolai Ekk (miglior regista per Il cammino verso la vita), Fredric March (migliore attore per Dr. Jekyll and Mr. Hyde) e Helen Hayes (miglior attrice per Il fallo di Madelon Caudet). Da allora il festival si svolge a cadenza annuale, tra la fine di agosto e l’inizio di settembre, nello storico Palazzo del Cinema. Si tratta del festival cinematografico più antico al mondo, preceduto solo dall’Academy Award (risalente al 1929), che costituisce il premio cinematografico assegnato da più tempo.

Il mattino del 6 agosto 1945, l’aeronautica militare statunitense sganciava invece la bomba atomica “Little Boy” sulla città giapponese di Hiroshima. L’esplosione e il conseguente spostamento d’aria distruggono circa l’80% dell’area edificata, provocando 80.000 morti, quasi 40.000 feriti e oltre 13.000 dispersi. Ai disastrosi effetti termici e radioattivi constatati fin dalle ore immediatamente successive al bombardamento, negli anni si vanno a sommare gli strascichi delle radiazioni rilasciate, che portano le vittime a quota 250.000.

Il 6 agosto 1994 moriva infine Domenico Modugno, noto cantautore e chitarrista italiano, oggi considerato uno dei padri della canzone italiana. Tra i suoi brani di maggior successo ricordiamo “Nel blu dipinto di blu” (altrimenti nota come “Volare”) con cui nel 1958 si aggiudica la vittoria al Festival di Sanremo e che venderà oltre 22 milioni di copie nel mondo.