E’ il 7 luglio 1881 quando Carlo Lorenzini, in arte Collodi, pubblica “La storia d’ un burattino”, ovvero le prime pagine di quello che diverrà il noto romanzo per ragazzi “Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino”. Il personaggio di Pinocchio fa la sua comparsa sulle pagine del Giornale per i bambini, supplemento del giovedì del quotidiano fiorentino Fanfulla, dove continuerà a venir pubblicato a puntate fino al 1883, anno in cui l’ autore riorganizza il testo in forma di romanzo, accompagnato dalle illustrazioni di Enrico Mazzanti.

Il 7 luglio del 1901 nasceva invece Vittorio De Sica, attore, regista e sceneggiatore italiano, tra i maggiori interpreti della commedia all’ italiana e padre del cinema neorealistico, al fianco di Roberto Rossellini e Luchino Visconti. Tra i capolavori firmati De Sica ricordiamo “Sciuscià”(1946); “Ladri di biciclette” (1948) tratto dal romanzo omonimo di Luigi Bartolini; “Miracolo a Milano”(1950); “La Ciociara” (1960) tratto dall’ omonimo romanzo di Alberto Moravia e “Matrimonio all’italiana” (1964) tratto dalla commedia teatrale di Eduardo De Filippo, Filumena Marturano, interpretato dalla formidabile coppia Loren – Mastroianni. Vincitore di 4 premi Oscar, De Sica è senza dubbio uno dei registi italiani più celebri ed apprezzati a livello internazionale.

Concludiamo infine ricordando il terribile attacco terroristico che il 7 luglio del 2005 ha sconvolto la città di Londra.  52 le persone rimaste uccise quella mattina, quando, durante l’ ora di punta, una serie di esplosioni colpiscono il sistema di trasporti pubblici della capitale britannica. Tre i convogli della metropolitana rimasti coinvolti, cui si aggiunge un autobus a due piani attaccato a meno di un’ ora di distanza. Gli attentati del 7 luglio costituiscono il più grave attacco a Londra dai tempi della seconda guerra mondiale, nonché il secondo più sanguinoso attacco terroristico nel Regno Unito.