È l’8 aprile del 1820 quando, sull’isola greca di Milo, viene scoperta una delle più celebri statue della civiltà greca: la Venere di Milo, opera ellenistica risalente al 130 a.C. circa. Il suo ritrovamento avviene quasi per caso, per mano di un contadino di nome Yorgos Kentrotas. Sequestrata da alcuni ufficiali turchi, la preziosa statua viene quindi acquistata da un ufficiale della marina francese, Olivier Voutier. Dopo alcuni interventi di restauro, la Venere di Milo viene presentata alla corte di re Luigi XVIII, il quale la donerà al Museo del Louvre di Parigi, dove è tuttora conservata.

L’8 aprile del 1973 il mondo dava invece l’ultimo saluto a Pablo Picasso. Nato a Malaga il 25 ottobre 1881, il pittore viene colto da un attacco di cuore a Mougins, cittadina francese dove trascorre i suoi ultimi anni. Uno dei maggiori maestri del XX secolo si spegne così all’età di 91 anni, lasciando una produzione sterminata, che attraversa trasversalmente molti stili, e convenzionalmente divisa in periodi: periodo blu, periodo rosa, periodo africano, cubismo analitico e cubismo sintetico. Tra le opere più celebri ricordiamo “Guernica”, la più grande opera surrealista di Picasso e “Les Demoiselles d’Avignon”, dipinto che dà avvio al Cubismo, ma anche “Il vecchio chitarrista cieco”, facente parte del cosiddetto ‘Periodo Blu’; “Ma Jolie”, rispondente al periodo del cubismo analitico; “I tre musici”, opera più rappresentativa del cubismo sintetico; “Ritratto di Gertrud Stein”; “Massacro in Corea”; “Ritratto di Dora Maar” e “Il Sogno”.

All’età di 87, l’8 aprile del 2013 moriva infine Margaret Thatcher, altrimenti nota come “Lady di ferro” (in inglese “The Iron Lady”): prima donna ad aver ricoperto la carica di Primo Ministro in Inghilterra, seguita solo da Theresa May, eletta nel 2016. Dal 1975 al 1990 la Thatcher è stata inoltre leader del partito conservatore britannico ed al suo nome è legata la corrente politica denominata “thatcherismo”.