Da tempo accusava un dolore al piede ma fino ad oggi non gli aveva mai dato tanta importanza. Quando, però, il dolore è divenuto insopportabile, si è rivolto al St Vincent’s Hospital di Melbourne e lì ha fatto la clamorosa scoperta.

L’uomo di 38 anni, originario del Sudan,è stato sottoposto ad una lastra e così i medici hanno potuto verificare che il dolore era provocato dai resti di un lungo verme posizionato tra caviglia e piede.

“Guinea work” (Dracunculiasis medinensis), questo il nome del parassita africano che si introduce nell’intestino quando si beve acqua contaminata, scavando delle lunghe gallerie all’interno del corpo della vittima. Quello trovato nel piede dell’uomo era morto e si stava già decomponendo. Solo con un intervento chirurgico, i medici sono riusciti ad eliminarlo.