Il gesto folle di un uomo ha rischiato di rendere cieca una donna a Livorno. David Vecchio, un operaio livornese di trent’anni, ieri sera, intorno alle 22, ha gettato dell’acido muriatico sul volto di una dipendente di un centro scommesse SNAI situato in piazza Attias. La vittima è G.F., una donna di 55 anni colpevole secondo l’aggressore di aver ostacolato la relazione con una donna di 37 anni di Castellina Marittima Pisa di cui l’uomo si era invaghito.

Circa un anno fa David Vecchio aveva chiesto aiuto a G.F. per allacciare una relazione con l’amica. L’amore dell’operaio livornese non era però corrisposto. Accecato dalla rabbia, l’uomo avrebbe iniziato a perseguitare entrambe le donne, nel disperato tentativo di attirare la loro attenzione.

Di fronte all’indifferenza della 37enne, lo stalker si sarebbe convinto che l’amore non corrisposto della donna fosse dovuto soltanto all’influenza dell’amica. Da qui il proposito di vendetta. L’operaio, dopo aver gettato acido muriatico sul volto della 55enne, si è dato alla fuga. I tentativi di fermarlo dei presenti sono stati inutili.

I carabinieri lo hanno rintracciato poco dopo nella sua abitazione grazie alle informazioni fornite dall’amica della vittima, oggetto delle attenzioni dell’uomo, presente al momento dell’aggressione all’interno del centro scommesse. L’uomo è stato arrestato dalle forze dell’ordine con l’accusa di lesioni personali aggravate e si trova ora ai domiciliari su disposizione del magistrato. La donna, subito soccorsa e ricoverata in ospedale, ha riportato un’erosione corneale bilaterale e ustioni di primo grado al volto. La prognosi per le ustioni al volto è di 25 giorni.

Secondo i medici che l’hanno presa in cura la donna ha corso il serio rischio di rimanere cieca. Fortunatamente l’acido muriatico non ha compromesso la vista. Le due amiche in passato avevano già denunciato più volte l’uomo per stalking. Denunce che non sono servite a farlo desistere dai suoi folli propositi di vendetta per l’amore non corrisposto.