Questa sera a Cavriglia, Arezzo, andrà in scena la nuova edizione de ‘La terra innamorata’, lo spettacolo che celebrerà il 68° anniversario degli eccidi nazi fascisti che nella zona si sono protratti fino al 1944.

L’occasione è anche l’inaugurazione del Mine, il Museo delle Miniere di Castelnuovo dei Sabbioni, che avrà come sede la chiesa ristrutturata e presente nel borgo abbandonato.

‘Terra innamorata – memorie di una terra di Toscana’ è lo spettacolo portato in giro per l’Italia dal Canzoniere di Valdarno e che per l’occasione è stato riportato in auge da Arlo e Giampiero Bigazzi.

Si tratta di un racconto in musica, originale, composta da Simone Biondi, Arlo Bigazzi, Luciano Morini e Giampiero Bigazzi, e narra le vicende dei minatori e delle persone di Cavriglia che dal ‘21 fino alla Liberazione hanno subito le violenze dei fascisti.

Il concerto sarà caratterizzato da una narrazione accompagnata dal canto di tradizione orale e dai nuovi arrangiamenti composti per l’occasione.

Saranno presenti i musicisti del progetto ‘Canti Erranti’, quindi Anna Granata, voce, Mino Cavallo, chitarre, Vittorio Catalano, sax, ciaramella, flauti, Pablo Cancialli, percussioni, e Marzio Del Testa, batteria.