In una lunga intervista al magazine “Vita” il presidente del Consiglio Matteo Renzi parla, per la prima volta, del gioco d’azzardo: “Stiamo per mettere a punto una misura che toglierà le slot machine dalle tabaccherie e dagli esercizi commerciali”. Una rivoluzione per il nostro Paese. Renzi, poi, ha promesso di voler ricostruire i comuni colpiti dal sisma (che ha devastato il Centro Italia, ndr) nel più breve tempo possibile annunciando, tra l’altro, che “non sarà aumentato il costo della benzina né saranno allargate le maglie sul gioco d’azzardo e sulle slot machine”.

Slot machine via dalle tabaccherie

“Renzi dice che toglierà le slot dalle tabaccherie e dagli esercizi commerciali. E’ una buona notizia ma ci auguriamo che il suo non sia l’ennesimo annuncio” è il commento di Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia che aggiunge: “Se il governo porterà in Parlamento una proposta concreta contro il gioco d’azzardo patologico, Fratelli d’Italia darà il suo contributo perché a noi interessa solo il bene dei cittadini. Lo dimostra il lavoro fatto in Regione Lombardia dal nostro assessore Viviana Beccalossi: un modello che sottoponiamo all’attenzione di Renzi e che prevede, tra le altre cose, la possibilità di detassare chi toglie le macchinette dalla propria attività commerciale“.

Tutti d’accordo sulle slot machine

Favorevole anche Area Popolare per bocca della deputata Paola Binetti che ha dichiarato: “Ogni tanto capita di leggere una buona notizia anche sul gioco d’azzardo: Matteo Renzi, in una intervista ad un magazine non profit, ha affermato che sul gioco d’azzardo sta per mettere a punto una misura che consentirà di togliere le slot dalle tabaccherie e dagli esercizi commerciali. Vedremo se è vero o se sono solo parole in libertà. Chissà che oggi l’affermazione di Matteo Renzi non preluda davvero ad un cambio di ritmo e di valutazione sul gioco d’azzardo, recuperando buon senso e senso della legalità”.