Un aereo della compagnia “Lion Air” si è schiantato in mare dopo il decollo da Giacarta causando la morte di 188 persone di cui 181 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio che viaggiavano a bordo di un Boeing 737 Max 8 diretto a Pangkal Pinang, al largo dell’isola di Sumatra. Stando alle prime notizie trapelate, non ci sarebbero sopravvissuti. Secondo il presidente della compagnia aerea tra le vittime ci sarebbe anche un italiano.

L’aereo ha perso il contatto circa 13 minuti dopo il decollo da Giacarta: da quel momento nessuna notizia fino a quando un rimorchiatore che stava per lasciare il porto della Capitale ha fatto sapere di averlo visto cadere in mare. Immediate le ricerche fino al rinvenimento del velivolo: alla torre di controllo il pilota – stando ad una prima ricostruzione dei fatti – avrebbe chiesto di far ritorno all’aeroporto a causa di un guasto tecnico non precisato.

Un aereo nuovissimo con appena 800 ore di volo che, di fatto, avrebbe causato la morte di 188 perone tra cui un italiano. Il presidente dell’Indonesia ha ordinato l’apertura di un’inchiesta e poi ha espresso condoglianze alle famiglie delle vittime nel corso di un discorso televisivo tenutosi pochissime ore fa.

Adesso si ricercano i corpi per dare una degna sepoltura a passeggeri e membri dell’equipaggio vittime di questo terribile incidente.