L’aereo della Trigana Air scomparso dai radar in Indonesia è stato ritrovato. Il velivolo, decollato da Jayapura e diretto a Oksibil, è andato completamente distrutto e le autorità escludono che ci possano essere superstiti. A confermarlo è il capo dell’Agenzia nazionale di ricerca e soccorso Henry Bambang Soelistyo:

L’aereo è completamente distrutto. Tutti i corpi dei passeggeri sono carbonizzati e sarà difficile identificarli. Non vi è alcuna possibilità che vi siano sopravvissuti.

I soccorritori finora hanno recuperato 53 corpi. Intanto si cerca di stabilire cosa ha provocato il disastroso incidente aereo, avvenuto in cattive condizioni meteorologiche. La scatola nera, già recuperata, aiuterà a far luce sui momenti che hanno preceduto lo schianto. Il velivolo della compagnia Trigana Air avrebbe urtato contro una montagna rocciosa, il monte Tangok, 33 minuti dopo il decollo, per poi precipitare in un burrone, nella provincia orientale di Papua.

L’ATR 42-300 aveva 27 anni. La compagnia Trigana Air è nota per la scarsa sicurezza. Si trova infatti dal 2007 nella lista nera delle compagnie che non rispettano gli standard di sicurezza delle autorità europee e non possono operare voli nel Vecchio Continente. Da quando è nata, nel 1991, è stata coinvolta in ben 14 incidenti gravi a fronte di una flotta di appena 14 aerei.

Disastro aereo Trigana Air: in fumo anche 430 mila euro di aiuti

Ad andare in fumo sull’aereo sono stati anche 430 mila euro di aiuti destinati alle famiglie in difficoltà per aiutarle contro il rincaro dei costi del carburante, deciso dal presidente Joko Widodo. Il governo ha tagliato i sussidi che consentivano di mantenere i prezzi del carburante al di sotto del costo di mercato, aiutando le famiglie ad acquistarlo. Una mossa impopolare che ha sollevato un’ondata di proteste nel Paese. I 4 funzionari delle poste incaricati di trasportare il denaro sono tra le vittime del disastro aereo della Trigana Air.

In tutto il bilancio è di 54 morti. Non ci sarebbero italiani né cittadini di altre nazionalità a bordo. I passeggeri dell’ATR 42-300 della Trigana Air che si è schiantato contro la montagna erano tutti di nazionalità indonesiana. Tra le vittime anche 5 minori, tra cui alcuni neonati.