Pradnya Mandhare, giovane ragazza indiana si trova in questi giorni agli onori della cronaca per il suo gesto coraggioso. Dopo aver subito un’aggressione, infatti, non solo è riuscita a difendersi ma addirittura ha trascinato il suo aggressore alla stazione di polizia.

Pradnya si trovava sull’autobus quando un ubriaco le si è avvicinato tentando di molestarla: “Quando quest’uomo ha provato a toccarmi, ho tentato di scansarmi. Lui mi ha afferrato per un braccio. Mi sono come immobilizzata per qualche secondo, poi però ho iniziato ha colpirlo”, ha raccontato la giovane aggiungendo che le altre persone presenti a bordo, “se ne stavano lì in piedi a guardarmi, ma nessuno mi ha dato una mano”. Poi ha preso coraggio e ”visto che l’uomo puzzava ed era sporco, non volevo toccarlo l’ho preso per i capelli”.

“Nessuno dovrebbe avere paura di denunciare i propri aggressori – ha concluso la giovane- Le donne non devono restare in silenzio. Molte pensano che andare alla polizia in questi casi sia un disonore. Io penso invece che sia necessario alzare la voce per dare a questa gente una lezione”.