Il caldo non è ancora finito e anche per il mese di Agosto armiamoci di condizionatori e ventilatori per sconfiggere Acheronte l’anticiclone che da lunedì 3 Agosto colpirà l’Italia.

Dovremmo soffrire ancora un po’ il caldo africano che abbiamo conosciuto la settimana scorsa grazie a Caronte il primo anticiclone che ha fatto toccare temperature record. Secondo quanto riporta ilmeteo.it il week end sarà instabile e poi da lunedì tornerà il caldo torrido: “fino a domenica il tempo sarà a tratti instabile per venti freschi orientali che porteranno rovesci e temporali sparsi; oggi sulle regioni centrali, Toscana meridionale e Alpi piemontesi, sabato su gran parte del Nord, Toscana, Umbria, Marche e Sardegna settentrionale, domenica sulle regioni adriatiche. Clima decisamente piacevole al Nord e sui versanti adriatici, molto caldo al Sud con temperature massime fino a 37°”.

Secondo i metereologi infatti il l’anticiclone scalderà l’italia per almeno una settimana e poi il tempo dovrebbe nuovamente cambiare: “l’anticiclone africano Acheronte inizierà a pompare aria calda dall’entroterra algerino; aria che inizierà a scaldare il clima italiano con temperature che saliranno giorno dopo giorno fino a toccare i 35/37° su tutta l’Italia, anche di più sulle zone interne del Centro-Sud. Ritornerà l’afa, da martedì/mercoledì prossimo”.

Come combattere il caldo estivo

Quando fa molto caldo sono più a rischio: anziani, bambini e neonati, malati cronici, persone non autosufficienti, persone che svolgono un’intensa attività fisica all’aperto.

Vi ricordiamo i consigli del Ministero della Salute per affrontare meglio queste ondate di calore:

  • non uscire all’aria aperta tra le 11 e le 18
  • non fare attività fisica intensa
  • proteggere la pelle, il capo e gli occhi dai raggi del sole
  • non lasciare mai persone o animali nelle auto in sosta, anche se per poco tempo
  • tenere chiuse le finestre di giorno e aprirle di notte
  • oscurare i vetri delle finestre esposte al sole
  • la temperatura ideale della casa è di 24-26°C, anche se si usa il climatizzatore
  • bere molti liquidi, anche in assenza di sete, mangiare molta frutta e verdura, evitare gli alcolici
  • prendersi cura dei familiari o dei vicini di casa che potrebbero aver bisogno di aiuto
  • dedicare maggiori attenzioni alle persone meno autonome, come gli anziani soli o i bambini piccoli
  • proteggere i bambini dal sole e dal caldo
  • evitare che i bambini svolgano un’attività fisica intensa dalle 11 alle 18
  • non esporre mai al sole diretto i bambini al di sotto dei 6 mesi di età
  • fare attenzione a non lasciare mai i bambini chiusi in auto, nemmeno per poco tempo
  • tenere sempre una lista di numeri di telefono di persone da contattare in caso di necessità
  • consultare periodica- mente il proprio medico curante, se si assumono farmaci
  • le persone che soffrono di ipertensione devono controllare più frequentemente la pressione arteriosa
  • i diabetici devono misurare più spesso la glicemia
  • le persone con malattie renali croniche e i dializzati devono tenere sotto controllo il peso corporeo e la pressione arteriosa
  • bisogna prestare una maggiore attenzione all’alimentazione e all’idratazione delle persone con disturbi psichici o non autosufficienti
  • anche persone in perfetta forma fisica possono essere a rischio, se svolgono un’attività fisica intensa all’aria aperta