Alcantara e MAXXI tornano a collaborare insieme. Per il settimo anno, però, la partnership si rinnova. Mentre in passato si erano scelte delle esposizioni collettive, quest’anno le mostre diventano monografiche. La formula è semplice: viene chiesto a un designer affermato di progettare uno spazio all’interno del museo che restituisca una sua personale interpretazione di un’opera della collezione permanente. Quest’anno è stata scelta la designer Nanda Vigo, che ha lavorato sulle opere dell’architetto Paolo Soleri, avvalendosi dell’Alcantara come materiale per realizzare le opere che saranno esposte a partire da oggi e fino al 25 febbraio prossimo.

Queste le parole di Nanda Vigo:

“Da ragazzina, leggendo Flash Gordon, sognavo di vivere nelle città del pianeta Mongo così sospese tra il cielo e la terra in antigravitazione, e rivedere, rileggere i progetti dell’Arch. Paolo Soleri come quelli nella meravigliosa strisciata di sedici metri, custodita in Archivio, mi ha procurato un vero piacere di interesse, tanto più che sono progetti visti solo in pianta, e mai in alzato”.

L’esposizione “Arch/arcology” è composta da tre pareti con al centro una scultura che rappresenta Single Cantilever bridge, un progetto di Soleri degli anni ’60, mentre ai lati trovano spazio alcuni progetti che l’architetto ha rappresentato solo in pianta e che Nanda Vigo ha reso tridimensionali, utilizzando come materiale l’Alcantara.

Grande soffisfazione per la collaborazione tra MAXXI e Alcantara è stata espressa sia da Giovanna Melandri, presdente della Fondazione del museo romano, sia da Andrea Boragno, Presidente e Amministratore Delegato di Alcantara S.p.A.

Andrea Boragno, intervistato da Leonardo.it, ha dichiarato:

“Siamo molto soddisfatti di quest’opera, che nasce da una esplorazione degli archivi del MAXXI, ed è stata riadattata da Nanda Vigo, artista di cui abbiamo grande stima. Pensiamo che l’opera in se stessa sia molto in linea con i valori di Alcantara. C’è infatti una perfetta commistione di innovazione e sostenibilità, due valori che da sempre hanno contraddistinto il nostro materiale e la nostra azienda. Non a caso siamo stati la prima società a diventare carbon neutral nel 2009, quando l’attenzione al tema sostenibilità era notevolmente più basso di oggi.
In questa installazione di Nanda Vigo possiamo trovare trovare una rappresentazione della città del futuro, dove la sostenibilità è fondamentale e ci piace il fatto che ci sia Alcantara e che ne venga fatto un uso esteso”.