Alessia e il suo ragazzo, Michele, avevano deciso dopo anni di fidanzamento, di sposarsi, di convolare a nozze, di coronare il loro amore. Alessia, come ricorderete, è stata la prima sposa trans in Italia: “Ad Aversa, il comune dove io e Michele viviamo, la notizia della mia mancata operazione per il cambio definitivo di sesso, ha creato scalpore. La gente sapeva il contrario e ha cominciato a guardarmi con sospetto quasi non si fidasse più di me” ha dichiarato a TvLuna. A crearle problemi, dunque, non tanto l’essere transessuale, quanto il fatto di “non essere operata”.

Sposa trans: “Problemi perché non sono operata”

Nel corso di questi giorni avrebbe ricevuto messaggi sui social e scritte sui muri. “Quando ho letto quelle cose, sono scoppiata a piangere. E poi anche in famiglia non l’hanno presa bene. Il fatto che non fossi operata è diventata la mia condanna. È stato detto e scritto tutto con troppa facilità senza considerare che ho dei fratelli piccoli di cinque e dieci anni e che oggi mi guardano con diffidenza. Tutto questo mi fa male” ha dichiarato. Gravi problemi anche per il marito Michele: “Dopo il clamore mediatico, si è creato un vuoto. Il mio lavoro è quello del piastrellista ma attualmente nessuno mi offre niente. E comincio ad avere paura per il mio futuro”.

Il sogno della sposa trans

“Io e Michele non vogliamo essere considerati fenomeni da baraccone. Entrambi ci siamo lasciati alle spalle un passato doloroso e terribile, fatto di scelte obbligate. Il nostro incubo, senza un’alternativa, è che quel passato possa tornare ad affacciarsi” ha concluso Alessia il cui sogno sarebbe quello di poter adottare un bambino.