“Oggi Forza Italia ha una linea che non è né carne né pesce. Non può fare opposizione al governo Renzi perché questo in parte contribuisce al cammino delle riforme, ma non è nella maggioranza”. Agelino Alfano, attuale ministro degli Interni nel governo Renzi, non ha mai attaccato in questo modo il suo ex partito, Forza Italia, e il suo ex “padre politico” Silvio Berlusconi, e non finisce qui.

Il leader di Ncd sembra avere molto da dire contro la sua “ex casa politica” tanto che ha dichiarato: “quando Berlusconi parla di piccoli partiti, lui si trova in una condizione paradossale perché il suo è un partito più grande ma che non sa dove andare. Noi siamo più piccoli ma sappiamo dove andare. Alle prossime elezioni Europee il vero voto inutile sarà a quei partiti che non sono né carne, né pesce, che non sanno dove andare”.

Le parole dell’ex Pdl Alfano arrivano il giorno dopo l’annuncio di Silvio Berlusconi di volersi candidare alle prossime elezioni europee ma sembrano studiate, oltre al fatto che Ncd secondo i sondaggi ad oggi non raggiungerebbe la fondamentale soglia del 4%, anche per la famosa frese del leader di Forza Italia agli scissionisti passati in Ncd, “Utili idiota della sinistra”.

Da Forza Italia poco interesse a rispondere all’ex collega di partito, “L’unico voto utile è quello a Forza Italia per dare una voce forte ai moderati in Europa ma anche in Italia”, ha dichiarato Giovanni Toti mentre Daniele Capezzone: “Alfano? Inutile parlarne. Di lui si occuperà lo sbarramento”.