“Se fai esplodere una bomba il pubblico ha uno shock di dieci secondi, mentre se lo metti semplicemente al corrente della presenza di una bomba, la suspence può essere dilatata e il pubblico mantenuto in sospeso per cinque minuti”

Alfred Hitchcock

A più di trent’anni dalla scomparsa del grande maestro del brivido, Palazzo Reale omaggia la carriera di Alfred Hitchcock con un’eccezionale mostra foto-cinematografica. Settanta fotografie dai set dei suoi indimenticabili capolavori e contenuti speciali provenienti dagli archivi della major americana condurranno i visitatori in un una percorso che indaga, anche attraverso la riproduzione delle colonne sonore e dei suoni elettronici dei suoi più celebri film, quell’effetto di suspense tipico del regista americano, quella combinazione perfetta di elementi che, nel corso degli anni, ha tenuto migliaia di spettatori con il fiato sospeso nella doccia di un motel, affacciati su un cortile a spiare i vicini o alle prese con uccelli furiosi.

Questo e molto altro ancora è la mostra “Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures”, visibile al pubblico fino al 22 settembre 2013. Un percorso che intende raccontare la figura di Alfred Hitchcock attraverso i principali capolavori firmati Universal Pictures, la celebre casa di produzione che, acquisendo la Paramount Pictures, ha prodotto i suoi film dal 1940 al 1976. Una collaborazione decisamente proficua che ha portato sul grande schermo capolavori indimenticabili e inimitabili come “Psyco”, “La finestra sul cortile”, “Gli Uccelli“, “La donna che visse due volte” e molti altri.

Una mostra che offre l’opportunità unica di immergersi nei backstage dei principali film di Hitchcock scoprendo particolari curiosi sulla realizzazione delle scene più celebri, sull’impiego dei primi effetti speciali, sugli attori e sulla vita privata del grande maestro. Un racconto possibile grazie al minuzioso lavoro di restauro svolto dalla Universal Pictures su quattordici pellicole originali. Lungo il percorso non poteva poi mancare un divertente montaggio che permetterà ai più curiosi di individuare le sfuggevoli apparizioni di Hitchcock nei suoi film. Una pratica nata come simpatica gag, divenuta col tempo una vera e propria superstizione. Il critico cinematografico Gianni Canova accompagnerà inoltre la visita con una serie di approfondimenti video che analizzano i capolavori del regista britannico firmati Universal Pictures.

Un’esperienza che dialoga, attraverso il linguaggio della settima arte, con i film in programma nell’arena estiva dell’AriAnteo, partita il 12 giugno nella corte interna di Palazzo Reale”.