’33 Postcards’, il film di Pauline Chan che rappresenta la coproduzione tra Australia e Cine, è stato proiettato alla Camera, nella Sala Mappamondo.

Come ha spiegato Paolo Binetti, dell’Udc, questo evento è la giusta occasione per “ raccontare il lato oscuro del mondo senza perdere la strada della speranza anche da dentro le istituzioni”.

E a questo proposito prosegue “la ricchezza dell’Arte, che politica ed economia non hanno, rilancia l’impegno di ognuno a recuperare la propria umanità per un’etica della speranza”.

’33 Postcards’, che ha già partecipato ad alcuni concorsi, come quello del Fiuggi Family Festival diretto da Mussi Bollini, ha ottenuto la menzione d’onore speciale, come spiega la Presidentessa del Festival, Antonella Bevere, “perché appresenta il legame del festival con la cultura cinese. Da cinque anni mettiamo in contatto culture diverse attraverso il legame comune delle relazioni familiari offrendo alle famiglie un’occasione per andare al cinema”.

A proposito della situazione cinematografica parla anche il presidente del comitato scientifico del festival, Armando Fumagalli, che dichiara “Le vie della distribuzione sono imperscrutabili, ci sono film che vengono distribuiti e non si sa perché, e ci sono film che non vengono distribuiti e non si sa perché, 33 Postcards é uno di questi. Ci stiamo lavorando mattone dopo mattone”.