Mentre a Parigi le forze di polizia stanno stanando i terroristi coinvolti negli attentati del 13 novembre, l’allerta terrorismo resta alta anche in volo. In un clima di crescente tensione le autorità non sottovalutano alcuna minaccia. Nelle scorse ore due voli operati dalla compagnia di bandiera francese Air France sono stati fatti atterrare in altri scali per precauzione dopo che è scattato un allarme bomba a bordo.

Uno dei due voli dirottati su altri scali per effettuare i controlli a bordo ed evacuare i passeggeri è il volo AF 65, decollato dall’aeroporto di Los Angeles con 400 persone a bordo. L’Airbus A 380 è stato fatto atterrare all’aeroporto di Salt Lake City. Per non rischiare che eventuali esplosioni coinvolgessero direttamente lo scalo il velivolo è stato parcheggiato a distanza di sicurezza dalle strutture aeroportuali. I passeggeri e l’equipaggio sono stati evacuati e messi al riparo in attesa della fine dei controlli.

L’altro volo dirottato ed evacuato è decollato dall’aeroporto di Washington-Dullesè. Il volo AF55, un Boeing 777 con 298 persone a bordo, è atterrato all’aeroporto di Halifax, in Canada. Gli inquirenti stanno verificando la presenza di ordigni a bordo. Anche i passeggeri e i bagagli sono stati sottoposti a scrupolosi controlli alla ricerca di ogni indizio utile. I controlli non hanno rivelato la presenza di ordigni a bordo dei due velivoli. L’allarme bomba è rientrato.

L’FBI ha aperto un’inchiesta sui voli deviati. La compagnia Air France ha deciso di far atterrare gli aerei dopo aver ricevuto due telefonate anonime appena dopo il decollo. Gli inquirenti stanno cercando di rintracciare la persona che ha procurato l’allarme. Secondo l’FBI le minacce provengono da una fonte non attendibile.

Air France: controlli rafforzati e assistenza ai passeggeri

L’Air France nei giorni scorsi ha chiesto ai passeggeri piena collaborazione per i controlli rafforzati negli aeroporti. La compagnia ha deciso di non cancellare nessuno dei suoi voli, permettendo a chi ha già acquistato un biglietto di posticipare il viaggio senza costi aggiuntivi fino al 15 dicembre. Gli attentati terroristici che hanno scosso Parigi il 13 novembre scorso infatti hanno spinto molte persone a non partire nel timore di nuovi attacchi dell’ISIS.