Dalle 18 di martedì 27 alle 10 di mercoledì 28, la Protezione Civile ha emesso un codice giallo di allerta meteo per la Liguria. Il giallo – ricordiamo – rappresenta il livello più basso di allerta (il nuovo sistema è in vigore dal 15 ottobre) e riguarderà tutta la regione – anche se i bacini più a rischio sono quelli dei corsi d’acqua piccoli e medi. A motivare questa allerta meteo per la Liguria è stata l’avviso di criticità idrologica di Arpal dettato dall’arrivo nel Mediterraneo di una perturbazione proveniente dall’Atlantico.

Secondo la Protezione Civile si prevede “alta probabilità di temporali forti o organizzati. I temporali forti sono caratterizzati da precipitazione localmente intensa o molto intensa, tipicamente originata da sistemi convettivi di ridotta estensione spaziale (celle convettive) che si sviluppano in un arco di tempo limitato, spesso di durata inferiore all’ora. I temporali organizzati sono sistemi di celle convettive che formano strutture precipitative più estese o durature del tipico temporale. Tipicamente i temporali sono accompagnati da fulminazioni, talvolta possono essere associati a grandinate e isolate raffiche di vento, più raramente da trombe d’aria. Tali fenomeni possono determinare criticità idrologiche per temporali gialle sui bacini piccoli e medi“.

Ricordiamo che la scala per l’allerta meteo Liguria è suddivisa in tre livelli: giallo, arancione e rosso. Il colore giallo non corrisponde alla precedente allerta 1.