In queste ore alcune zone del Piemonte e della Liguria, in particolare, sono state interessate da alcune spruzzate di neve. Il maltempo che interessa il nord Italia e che nei prossimi giorni arriverà al sud, potrebbe in parte interessare anche le feste di Natale. Se a partire dalla giornata di giovedì 22 dicembre la situazione dovrebbe tornare stabile su tutta la penisola, a cominciare da sabato un’altra ondata di maltempo potrebbe interessare prima le regioni centrali e quindi quelli meridionali, con un Natale bagnato dall’Abruzzo in giù, fino alla Sicilia.

L’allerta neve non dovrebbe quindi creare problemi, almeno per quelle che sono le previsioni meteo sull’Italia fino a questo momento. A parte quote molto alte, infatti, il maltempo dovrebbe essere concentrato soprattutto su fenomeni temporaleschi più o meno intensi.

Particolare attenzione, comunque, nella regione Liguria, dove i primi fiocchi di neve hanno raggiunto le colline del capoluogo, Genova. Colpa delle temperature che si sono abbassate e della neve che è riuscita ad attaccare il suolo soprattutto nei pressi di Voltri, dove si sono poi attivati i mezzi spargisale. E sebbene l’allerta neve, almeno per il momento, non desta troppe preoccupazione, il Comune del capoluogo ligure ha comunque deciso di chiudere parchi e cimiteri per la giornata odierna e di vietare il transito alle moto sulla sopraelevata, soprattutto per il forte vento. In alcune zone della Liguria è stata comunque diramata l’allerta gialla fino alle ore 13 di martedì 20 dicembre.

Nel pomeriggio la neve dovrebbe interessare soprattutto le zone internet della provincia di Savona e di Genova. Le precipitazioni nevose dovrebbero andare avanti fino alla mattina di martedì, con quote in progressivo aumento. Da segnalare, infine, il vento settentrionale di forte burrasca che colpirà soprattutto il Centro Ponente.