UPDATE: Il Presidente dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) Stefano Gresta afferma che l’Istituto nella giornata di ieri non ha lanciato alla Protezione civile alcun allarme né tanto meno previsione sulla situazione in Garfagnana, se non il comunicato sull’andamento delle scosse nel territorio interessato, così come vien fatto due volte al giorno dall’inizio della sequenza del 25 gennaio.

Ancora paura per il terremoto in Toscana. A Garfagnana, epicentro del terremoto del 25 gennaio, la notte scorsa è stato dato nuovamente allarme dall’Ingv alla Protezione civile e alle Regioni, suggerendo così alla Provincia di Lucca di contattare i sindaci perché informassero i cittadini della possibilità di nuove scosse.

Sono bastati pochi tweet inviati dall’account ufficiale del Comune di Castelnuovo Garfagnana per scatenare il panico. Circa un migliaio di persone si sono riversate fuori casa per trovare riparo in strutture predisposte adeguatamente (scuole o palazzetti sportivi) lasciando le loro abitazioni considerate a rischio.

Forze dell’ordine, personale della protezione civile e del volontariato hanno lavorato tutta la notte per mettere in sicurezza prima di tutto anziani, donne e bambini, ha spiegato all’Ansa Maurizio Giannotti, responsabile protezione civile dell’Unione comuni della Garfagnana: “A tutti abbiamo continuato a dire che si trattava solo di un’allerta precauzionale e non si sono verificate scene di panico, se non la paura comprensibile nelle prime ore“.

Grazie al personale del 118 sono stati creati anche punti di assistenza per gli infermi o i malati. Nella notte, a quanto si è appreso, si è verificato solo il caso di un anziano colto da malore ma non riconducibile all’allerta terremoto. Stamani alle 11 i sindaci dei comuni della Garfagnana si riuniranno per fare il punto della situazione.

Soddisfatto della prontezza delle istituzioni comunali il capo del dipartimento della protezione civile Franco Gabrielli che ai microfoni di SkyTg24 ha dichiarato: ”I sindaci si sono comportati in maniera perfetta, confermando la mia impressione quando ero andato in quelle zone, dove avevo trovato un sistema pronto. Non vorrei – ha proseguito – che passasse un messaggio di ‘scaricabarile’, come qualcuno ha scritto. Le idee sulla situazione in quell’area sono purtroppo molto chiare: è un territorio altamente sismico, come hanno confermato gli esiti di recenti riunioni. Quando è arrivata dall’ Ingv una ulteriore segnalazione di richiamo all’attenzione, è stato veicolata ed è stato trovato un territorio che ha risposto. Mi auguro – ha concluso – di avere tanti sindaci come quelli della Garfagnana“.

Nella giornata odierna scuole chiuse per precauzione soltanto nei comuni di Massarosa e Stazzema in Versilia.