Amanda Knox, in passato accusata dell’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese assassinata in una villetta di Perugia, ha annunciato di voler ritornare sul luogo del delitto per “chiudere un cerchio”. “So che Perugia è probabilmente l’ultimo posto al mondo dove sentirmi la benvenuta. Ma devo chiudere letteralmente e fisicamente il cerchio della mia vita” ha dichiarato la Knox al settimanale americano “People” in una video-intervista in cui parla della sua vita dopo quel maledetto giorno, nel 2007, quando morì Meredith Kercher.

Il sindaco di Perugia preferisce non commentare la notizia mentre Raffaele Sollecito sarebbe disposto ad un incontro con lei: “Se dovesse esserci una richiesta, io certamente la valuterei. Per ora, però, ho solo visto qualcosa sui giornali di sfuggita” ha dichiarato l’uomo che all’epoca dei fatti era il suo fidanzato. Sollecito, come ricorderete, è stato assolto dalla Cassazione dopo anni di battaglie giudiziarie.

Amanda Knox nel 2007 è stata accusata dell’omicidio della coinquilina Meredith Kercher; ha passato quattro anni in carcere dopo la condanna in primo grado. Assolta e scarcerata nel 2001, è diventata di nuovo imputata nel 2004 ma era già tornata a Seattle. Intanto era stata definitivamente prosciolta dalla Cassazione, così come Raffaele Sollecito. Ora Amanda Knox ha un nuovo amore, cerca di vivere la sua vita con normalità anche se resta il desiderio di ritornare in Italia: “Trovare il modo di smettere di avere paura è un passo importante per me. Voglio vedere Perugia, che quando avevo 20 anni era la città dei miei sogni, attraverso gli occhi dei miei genitori. Hanno vissuto lì per anni per starmi vicino e lì hanno fatto amicizie importanti”.