Nell’ultimo periodo continuano a spopolare sul web immagini ambigue in cui è più o meno difficile individuare particolari elementi e che, spesso, fanno scervellare gli internauti per ore.

Questo è il caso dell’ennesimo disegno che, a seconda di come lo si percepisce, può rivelare aspetti specifici della propria personalità. L’illusione ottica, apparsa la prima volta in una rivista tedesca nel 1892 e diventata poi famosa grazie allo psicologo statunitense Joseph Jastrow nel 1899, è composta da un’unica figura che può essere interpretata come una testa di un’anatra rivolta verso sinistra o come un coniglio girato a destra. Non importa quale dei due animali venga visto per primo, ma la velocità impiegata per passare dalla percezione dell’uno all’altro. Secondo la ricerca le persone più creative riescono ad effettuare questo passaggio in mondo più veloce perché abituate a vedere la stessa realtà con prospettive differenti. Per questo stesso motivo i creativi hanno una maggiore propensione ad utilizzare gli oggetti comuni in modo originale o a creare collegamenti innovativi tre idee e cose. Personalità a parte, la percezione del disegno può però variare anche in base al periodo dell’anno in cui viene guardato. Il test, effettuato sui bambini, ha infatti dato esiti interessanti a riguardo: durante il periodo di Pasqua è spontaneo vedere con maggiore probabilità un coniglio, mentre nel mese di ottobre risulta più frequente percepire per prima cosa l’anatra.