Tragedia ad Ancona. Una donna di 49 anni, Roberta Pierini, è stata uccisa ieri pomeriggio, intorno alle 14, nella sua casa, un appartamento al terzo piano di una palazzina situata in via Crivelli, poco distante dal centro cittadino. Non c’è stato nulla da fare, la donna è morta sul colpo mentre il marito, sottufficiale dell’Aeronautica militare, è ricoverato nell’ospedale di Torrette in codice rosso e in prognosi riservata. Secondo le prime indiscrezioni a sparare sarebbe stato il fidanzato della figlia della coppia, Antonio Tagliata, 18 anni, fuggito a bordo di uno scooter subito dopo aver commesso l’omicidio. Secondo quanto è stato possibile apprendere finora, i genitori non approvano la relazione amorosa della figlia.

A nulla è servito l’intervento dei soccorsi: la donna è stata trovata già stesa a terra sul balcone di casa priva di vita mentre il marito era poco distante. Le forze dell’ordine si sono messe immediatamente sulle tracce del presunto omicida grazie alle testimonianze riportate da alcuni vicini che hanno detto di aver visto qualcuno fuggire a bordo di uno scooter. I condomini hanno sentito cinque spari in rapida successione, e grida di aiuto. Un testimone ha incrociato Tagliata e la ragazzina sul pianerottolo dell’appartamento, prima che salissero sul motorino per allontanarsi a gran velocità.

Dopo l’interrogatorio avvenuto nella notte, anche la figlia 16enne di Roberta Pierini, è stata sottoposta a fermo di polizia con l’accusa di concorso nell’omicidio della madre e nel tentato omicidio del padre, ferito da più colpi di pistola. Ritrovata la pistola calibro 9 utilizzata dal ragazzo. La relazione dei due ragazzi non era stata approvata dai genitori della giovane e, a quanto pare, i ripetuti contrasti familiari sarebbero il movente che avrebbe spinto i due sospetti a compiere il tragico gesto.