Quanto può valore un’opera d’arte? Tanto, ma davvero tanto tanto! A confermarlo l’acquirente del ritratto di Mao Tse Tung con la firma di Andy Warhol (i suoi lavori sono ancora in mostra a Milano), pagato la “modica” cifra di 7 milioni e 600 mila sterline ovvero quasi 9 milioni di euro, cifra 18 volte superiore a quello della dell’ultima vendita: era stato battuto, infatti, all’asta nel 2000 per 421.500 sterline, circa 510mila euro.

Aggiudicato all’asta da Sotheby’s, il compratore, come spesso accade in questi casi, è rimasto anonimo, ma potrebbe facilmente essere uno dei tanti nuovi ricchi miliardari di Pechino e di Shanghai, anche se qualche mal pensante avrebbe insinuato che si potrebbe anche trattare del comitato centrale del partito comunista cinese, deciso a prendersi il quadro e farlo scomparire.

Il capolavoro del padre della pop art è realizzato in due colori, rosso e giallo, chiara reinterpretazione dell’iconografia comunista dei tempi andati e risale al periodo della visita in Cina del presidente degli Stati Uniti Richard Nixon, nel 1972. Naturalmente l’artista non incontrò mai il leader cinese, ma si limitò a trasformarne il ritratto ufficiale.