Cattive notizie per la famiglia di Angela Celentano che, dopo 21 anni dalla scomparsa di quella che era ancora una bambina, sta ancora proseguendo con le ricerche.

La pista relativa a Celeste Ruiz sembrerebbe infatti essere sfumata. Cinque anni fa la ragazza messicana affermò di essere la bambina svanita nel
nulla sul monte Faito il 10 agosto del 1996, contattando la sorella di Angela.

La Procura di Torre Annunziata, in collaborazione con l’Interpol, ha però risolto il mistero. Celeste Ruiz non esiste, ma si tratterebbe di una macchinazione da parte di un cittadino messicano che ha trovato online la fotografia di una ragazza che venne scattata circa quindici anni fa.

La somiglianza casuale con Angela Celentano deve aver fatto gola all’ignoto messicano, che contattò la famiglia forse sperando in una ricompensa. Di fatto ai tempi della notizia venne fissata una somma per chi avesse fornito informazioni su Celeste Ruiz, ma nessuno si fece avanti.

Oggi invece le autorità hanno scoperto che la ragazza vive in Francia ed è del tutto all’oscuro di quanto accaduto in seguito al furto di identità. Il test del DNA cui è stata sottoposta ha dato esito negativo.

Il procuratore Sandro Pennasilico che si è occupato del caso parla di ulteriori accertamenti e della grande delusione provata dai Celentano: “Gli accertamenti in Messico volti alla definizione della vicenda dell’uso dell’immagine della persona identificata proseguiranno per una compiuta ricostruzione dei fatti e delle responsabilità. La cura e la completezza delle indagini e il risultato conseguito non leniscono l’amarezza sul Piano umano i quanto accertato e non esauriscono la partecipazione di chi lavora al caso alle speranze della famiglia Celentano”.