Antonio Campo Dall’Orto è il nuovo direttore generale della Rai, è stato nominato oggi dal Consiglio di Amministrazione della televisione pubblica italiana. Il nome di Campo Dall’Orto era favorito da qualche tempo e ampiamente preannunciato anche dalle parole di Matteo Renzi che lo aveva definito un manager di grande esperienza.

La nomina ufficiale di Antonio Campo Dall’Orto è avvenuta nel primo Consiglio di Amministrazione presieduto dal nuovo presidente della Rai Monica Maggioni. Un direttore generale che a 50 anni ha già lavorato ed è stato protagonista di tutti i gruppi televisivi del nostro paese e che ora andrà sedersi nella poltrona a Viale Mazzini.

La sua storia inizia a Mediaset, grazie ad un master in Marketing e Comunicazione promosso da Pubblitalia, dove a 28 anni è vicedirettore generale di Canale 5 e braccio destro dell’allora direttore Giorgio Gori. Con Gori si ritroverà anni dopo a condividere alla Leopolda i progetti di Matteo Renzi.

Nel 1997 diventa direttore di Mtv e inventa un nuovo modo di far televisione, una rete di musica e contenuti creando la MTV Generation, un popolo pronto a seguire una rete televisiva.  Così nel 1999 viene nominato amministratore delegato di Mtv Networks South Europe per i canali in Spagna, Portogallo, Francia e Grecia e nel 2001 amministratore delegato di MTV Italia. 

Siamo agli anni di Trl  e della Mtv che ha formato i conduttori moderni di oggi infatti proprio in quella Tv affidata al manager nato a Nord Est troviamo Victoria Cabello, Camila Raznovich, Andrea Pezzi, Marco Maccarini, Enrico Silvestrin, Giorgia Surina, Carlo Pastore, Alessandro Cattelan e molti altri. All’intrattenimento si legavano sempre temi importanti come le campagne di sensibilizzazione contro l’Aids o le mafie.

Dal 2004 al 2008 è direttore, oltre che di Mtv, anche della neonata La7 dove porta Daria Bignardi, Piero Chiambretti, Gad Lerner, Maurizio Crozza, Marco Paolini.

Negli ultimi anni ha lavorato a Telecom Italia Media come direttore generale e amministratore delegato di Television, poi passa al gruppo Viacom e infine nel 2014 entra nel Consiglio di Amministrazione di Poste Italiane.

La sua storia  potrebbe rappresentare la seconda generazione di quel popolo del nord-est, lui nato a Conegliano in provincia di Treviso, che dalla provincia italiana con idee chiare e un po’ di ambizione in tasca è riuscita a imporsi nel panorama manageriale italiano e internazionale.

Nella vita privata si è sposato con l’attrice indiana Mandala Tayde, ha due bambini e chi lo conosce lo descrive come un papà moderno.