Violenza sessuale e violazione di domicilio, queste le accuse mosse dai carabinieri ad un pensionato di 73 anni che avrebbe molestato un’anziana signora nel suo letto di casa. Tutto è cominciato quando, in piena notte, una donna ha chiamato il 112 asserendo di essere stata molestata da un uomo che conosceva e che, una volta sveglia, avrebbe trovato accanto a sé sul letto. Lei, però, quell’uomo non l’avrebbe mai fatto entrare in casa né era mai stato il suo compagno. Una storia quasi surreale che poteva finire in tragedia visto che, secondo il racconto della vittima, l’anziano sarebbe stato totalmente nudo sul letto intento a palpeggiarla.

A quel punto l’anziana ha cominciato a gridare mettendo in fuga l’uomo; subito dopo è arrivata la chiamata ai carabinieri che, giunti sul posto, non hanno più trovato il pensionato di 73 anni. Immediate le indagini grazie alle telecamere di un sistema di videosorveglianza che hanno consentito agli inquirenti di incastrare l’uomo. Stando ad una prima ricostruzione, l’aggressore avrebbe avuto le chiavi di casa della donna poiché, qualche mese fa, l’aveva aiutata per alcuni lavori domestici tra cui la sostituzione della serratura della porta. Così, utilizzando una copia di quelle chiavi, sarebbe entrato furtivamente nella casa della vittima.