Si inizia a far chiarezza sulla morte di un anziano caduto dalla scogliera di Monopoli e deceduto subito dopo. A far scattare le indagini è stato un amico della vittima, che si trovava con lui in quei concitati momenti: non si è trattato di un incidente ma di un omicidio. Immediatamente sono stati fermati due minorenni che, però, adesso hanno smentito l’ipotesi di una rapina finita in tragedia: stando alle prime indiscrezioni, infatti, i due amici avevano prelevato i soldi della pensione e poi si erano fermati vicino alla scogliera. Lì sarebbero stati raggiunti da un gruppo di ragazzini che avrebbero voluto derubarli.

Anziano cade da scogliera, la versione dei due minorenni

“È stato uno stupido scherzo” è, invece, la versione dei minorenni di 15 e 17 anni. Quest’ultimo, tra l’altro, nel corso dell’interrogatorio ha ammesso di essere stato lui a spingere entrambi gli anziani dagli scogli. Nella tasca della giacca del sopravvissuto c’erano anche i 650 euro della pensione appena ritirata che, dunque, non sarebbero stati rubati dai due ragazzi.

Tra gli atti dell’inchiesta ci sarebbe anche una relazione scritta da alcuni educatori con cui il 17enne ha avuto un colloquio. Il 15enne, invece, avrebbe confermato di essere stato presente ma non di aver commesso materialmente il fatto, di non aver spinto lui i due anziani.

Anziano cade da scogliera, erano lì per prendere il sole

Secondo la versione dei due minorenni indagati, si trovavano lì solo per prendere il sole e non per derubare gli anziani. Poi, vedendoli arrivare sulla scogliera, per gioco, per uno “stupido scherzo” uno dei due li ha spinti giù.