I Carabinieri della Compagnia di Maddaloni, a Caserta, in queste ore stanno dando esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di numerose persone tra cui figura persino il sindaco del Comune di San Felice a Cancello, Pasquale De Lucia, oltre a diversi appartenenti all’amministrazione comunale. Tra gli indagati anche imprenditori, ritenuti responsabili di associazione a delinquere, corruzione, concussione, finanziamento illecito ai partiti, turbata libertà degli incanti e truffa. Un maxi blitz scattato all’alba a seguito di una complessa indagine condotta dagli inquirenti campani.

Inchiesta su appalti nel Casertano

Per il primo cittadino, Pasquale De Lucia, come precisa l’Ansa, è stato disposto il carcere. Il sindaco di San Felice a Cancello, infatti, è stato consigliere provinciale di Caserta, consigliere regionale e vicepresidente della provincia di Caserta. L’inchiesta – coordinata dalla Procura di Santa Maria Caputa Vetere – verte su una vicenda di appalti concessi in cambio di mazzette.

Il 13 settembre scorso, sempre nel Casertano, un altro caso simile: la Procura di Santa Maria Capua Vetere aveva dato esecuzione a 20 misure cautelari avendo scoperto  ”un vero e proprio mercimonio di commesse pubbliche a fronte della “corresponsione di denaro ed altre utilità illecite” ad amministratori e funzionari pubblici che avrebbero pilotato l’aggiudicazione di numerosi appalti a favore di un colosso imprenditoriale.