E’ stata approvata definitivamente dal Senato la legge contro gli sprechi alimentari, ecco tutte le novità che porta con sé. Una legge voluta fortemente dal Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, Maurizio Martina, il quale l’ha definita “una eredità di Expo”.

L’obiettivo dichiarato è quello di riuscire a recuperare un milione di tonnellate di cibo all’anno. E per farlo si punta all’incremento del recupero e della donazione delle eccedenze alimentari, con priorità all’assistenza agli indigenti.

Nello stesso tempo ci si attiva fattivamente anche nel recupero di prodotti farmaceutici e altri a fini di solidarietà sociale. Si tratta, in sostanza, di un importante contributo alla limitazione degli impatti negativi sull’ambiente e all’educazione dei cittadini per diminuire gli sprechi alimentari.

Tra le principali novità che porta questa nuova legge vi è quella della semplificazione burocratica: donare diventa più semplice grazie alle disposizioni tributarie e finanziarie della legge. Viene inoltre rafforzato il tavolo indigenti, con due milioni di euro destinati al fondo acquisto alimenti; un concreto sostegno all’innovazione contro lo spreco, con un fondo da un milione destinato al finanziamento di progetti innovativi. Inoltre i comuni avranno la possibilità di incentivare chi dona con uno sconto sulla Tari. E, infine, il Ministero della Salute emanerà linee guida per le mense scolastiche, aziendali, ospedaliere, sociali e di comunità.