A Roma ha aperto la nuova Metro C, metropolitana che copre la tratta tra Monte Compatri/PantanoParco di Centocelle ed è dotata di treni senza conducente. Alle 5:30 è partito il primo treno, ma che si è bloccato per un problema tecnico alla stazione Due Leoni – Fontana Candida, per circa 11 minuti.

Dopo 7 anni di lavori, la Metro C ha aperto le porte. L’inaugurazione che sarebbe dovuta avvenire sabato 11 ottobre, è stata spostata alla giornata odierna da parte del Ministero dei Trasporti. Anche la recente ondata di maltempo, che ha colpito la Capitale, ha comportato pozzanghere e infiltrazioni nelle fermate Giardinetti e Grotte Celoni, prontamente ripulite per essere pronte per l’inaugurazione ufficiale.

Questa mattina è stato dato il via ufficiale alla prima tratta Monte Compatri/PantanoParco di Centocelle, che è composta da 15 stazioni, di cui 5 di nuova costruzione e 10 di adeguamenti delle precenti stazioni in superficie. Con un percorso di 12,5 km, di cui 8,2 in superficie e 4,3 in sotterranea, la Metro C offre un collegamento tra i quartieri Alessandrino, Prenestino-Centocelle, Torre Maura, Torre Angela, fino a Pantano.

Tutti i treni della linea C sono senza conducente e questo sistema, già presente a Milano nella linea metropolitana Lilla, permette di gestire il traffico in modo completamente automatico. Ogni singolo treno è composto da 6 vagoni, con 204 posti a sedere.

Il primo treno, partito alle 5:30, dal capolinea di Centocelle si è fermato alla stazione Due Leoni-Fontana Candida, uno stop durato per 11 minuti, periodo nel quale sono arrivate anche le prime critiche da parte delle persone presenti. Tuttavia, dopo il periodo di stop, i passeggeri sono stati fatti salire su un secondo treno che ha terminato il tragitto alle 6:20. Per gli amanti della metropolitana è stata un’occasione unica poter vedere una nuova metropolitana, che dopo 7 anni di lavori, è stata inaugurata ed è dotata di treni senza conducente, come avviene nella maggior parte delle Capitali europee.

Foto Metro C Spa