A causa di una tempesta di neve l’aereo tardava a partire, così, stanchi di attendere a bordo dell’aeromobile, due passeggeri cinesi hanno aperto le porte delle uscite di emergenza in segno di protesta, provocando un ulteriore ritardo della partenza dell’aereo.

Il singolare episodio è accaduto sabato mattina nella città sud occidentele di Chengdu. Secondo quanto raccontato dai media locali, un uomo soprannominato Zhou, lamentava oltre al ritardo anche la mancanza di ventilazione e per questo avrebbe aperto le porte d’emergenza.

Assieme a lui anche una guida turistica che avrebbe incitato i passeggeri fornendo informazioni false. Entrambi adesso dovranno scontare una pena di 15 giorni di “detenzione amministrativa”.