Drammatico ritrovamento da parte dei carabinieri di Porto Santo Stefano, capoluogo del comune di Monte Argentario, in provincia di Grosseto, in Toscana. Una donna è stata trovata senza vita nella sua casa, con i segni di uno strangolamento che hanno fatto subito sospettare gli agenti di un possibile omicidio. A dare l’allarme sono stati alcuni vicini di casa.

La donna 68enne di nome Anna Costanzo sarebbe stata uccisa strangolata dal cavo di un computer che le è stato stretto intorno al collo. I carabinieri si sono subito messi sulle tracce del marito, Alberto Novembri. L’uomo avrebbe compiuto una telefonata in cui dice a un suo amico tabaccaio, che in seguito è stato interrogato dai carabinieri: “Ho fatto una sciocchezza”. All’amico avrebbe anche confessato di aver avuto un violento litigio con la moglie e di averla uccisa.

Il 70enne Alberto Novembri sembrava sparito per alcune ore, ma in tarda mattinata gli agenti del comune di Monte Argentario sono riusciti a rintracciarlo. Merito anche della segnalazione di alcuni testimoni, che lo avrebbero visto prendere un autobus per Orbetello. I militari sono quindi riusciti a intercettare l’uomo nella zona di Capalbio Scalo, sul treno Roma Termini-Pisa, mentre stava tornando verso Orbetello.

La vittima dell’efferato omicidio di Monte Argentario lascia quattro figli, tutti avuti dal precedente matrimonio. Anna Costanzo si era sposata un anno fa con il secondo marito, Alberto Novembri, giusto un anno fa.