Nella sua carriera ha posto la firma su oltre 300 colonne sonore di film ed è stato uno degli artisti più prolifici e poliedrici di tutto il panorama italiano. E l’Italia intera piange la scomparsa del maestro Armando Trovajoli (foto by InfoPhoto), colui che tra le altre scrisse “Roma nun fa’ la stupida stasera”. Aveva 95 anni, si è spento a Roma qualche giorno fa.

La notizia è stata diffusa solo nel tardo pomeriggio del sabato dalla moglie Maria Paola, proprio come da ultima volontà dello stesso artista. Trovajoli era un uomo riservato, al quale non piacevano i riflettori della mondanità romana. Diplomandosi al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, nel 2007 aveva ricevuto anche il David di Donatello alla carriera.

Nato a Roma nel 1917 da un padre violinista, aveva iniziato a suonare a sei anni il pianoforte. Ha lavorato, in carriera, al fianco di mostri sacri del Jazz come Miles Davis, Duke Ellington, Django Reinhardt e Louis Armstrong. Anche se per gli italiani il suo nome rimarrà legato a molte colonne sonore del cinema d’oro del nostro paese, quello dei film come Riso Amaro, con Vittorio Gassman e La Ciociara con Sophia Loren. Johnny Dorelli all’Ansa lo ricorda così: “Abbiamo vissuto cinque-sei anni da fine del mondo – ricorda quando lavorarono assieme – nello stesso ruolo ha guidato poi anche mio figlio. Ma sono tante le cose fatte insieme. Professionalmente era il massimo, ma lavorare con lui in buca che ti ascoltava non era mica facile. Una volta, spingendo un carrello in una scena di ‘Aggiungi un posto a tavola, persi un paio di note e lui saltò su: ‘Johnny m’hai rotto il…!”.